Sconto fino al 15% su idropulitrici Black Edition, accessori e detergenti. Promo valida dal 5 all’11 aprile.

Pulizia e dintorni

Come imbiancare casa da soli e senza sporcare

29 Settembre 2023

BLOG
Come imbiancare casa da soli e senza sporcare

Che sia per rinfrescare il colore delle pareti o per tinteggiare un appartamento nuovo, sapere come imbiancare casa da soli può essere molto utile. Chi non ama i lavori “fai da te” può pensare si tratti di un impegno noioso e complicato; in realtà, con un po’ di organizzazione e gli strumenti giusti, può rivelarsi anche un compito molto divertente!

Ricordando che questa operazione andrebbe svolta tra la primavera e l’estate, perché le alte temperature permettono un’asciugatura più rapida della pittura, vediamo come verniciare casa in autonomia, quali attrezzi utilizzare e come evitare di sporcare troppo l’ambiente domestico.

 

Imbiancare casa da soli: che cosa serve

Per verniciare casa da soli in modo efficiente ci vuole il materiale giusto. Ecco i principali strumenti che servono per imbiancare:

  • un rullo con asta telescopica per verniciare le superfici di grandi dimensioni (l’asta telescopica serve per raggiungere più agevolmente il soffitto, ad esempio);
  • pennelli di varie dimensioni, utili per le aree più piccole, le rifiniture e gli angoli;
  • una pennellessa, pennello largo e piatto, di medie dimensioni, prezioso per le parti più difficili come il retro di un termosifone;
  • una griglia per eliminare la vernice in eccesso dal rullo e dai pennelli;
  • la vernice del colore scelto adatta alla superficie da dipingere;
  • un bidone vuoto per diluire la vernice;
  • un bastone di legno per miscelare la pittura;
  • una vaschetta in cui versare il colore;
  • uno straccio per pulire eventuali piccole macchie;
  • una scala per raggiungere le parti più alte.

Oltre al necessario per imbiancare ti servirà anche il materiale per preparare la parete prima della pittura, cioè per intonacare e ed effettuare la rasatura. Ti occorreranno quindi cazzuola e frattazzo, carta vetrata, dell’intonaco classico e una spatola

 

Crediti: RightFramePhotoVideo/Shutterstock

 

In più, non dimenticare di vestirti in modo adeguato. La vernice, infatti, può raggiungere facilmente la pelle e i capelli, anche se stiamo molto attenti, e sporcare gli abiti. Per evitare inconvenienti di questo tipo, perché non indossare una pratica tuta in tessuto non tessuto? Grazie alle maniche lunghe e al cappuccio, ti proteggerà alla perfezione. Se non hai un cappuccio, puoi indossare un cappellino, mentre sulle mani ricorda di mettere dei guanti protettivi.

 

Imbiancare senza sporcare: come preparare l’ambiente e coprire i pavimenti

La preparazione dell’ambiente è una fase importantissima per imbiancare casa senza macchiare le altre superfici. Per prima cosa dovrai togliere i quadri dai muri, staccare le tende e spostare i mobili vicini alle pareti, sistemandoli in un altro ambiente se sono piccoli e leggeri. Qualora dovessero essere pesanti e ingombranti, invece, possono essere posti al centro della stanza, oppure scostati di circa un metro dal muro. L’ideale sarebbe, se fattibile, togliere anche lampadari, mensole, placche degli interruttori (prima, naturalmente, provvedi a staccare la corrente elettrica). Quanta polvere spostando i mobili! Prima che si disperda per tutta la casa è meglio intervenire tempestivamente con un aspiratore come AR Blue Clean 31 Series 3170. Questo bidone aspiratutto, ideale per piccole superfici, è infatti pratico ed estremamente versatile: lo strumento perfetto per pulire velocemente e con facilità lo sporco che si accumula nel quotidiano.

 

aspirapolvere solidi e liquidi

 

Mobili, oggetti e altre superfici andranno protetti con dei teli di nylon oppure dei fogli di giornale, in modo che non si macchino. Per coprire i pavimenti, invece, è possibile adoperare dei pezzi di cartone, dei teli di plastica o in feltro, fissandoli bene alle pareti.

A questo punto non dimenticare la mascheratura, ossia il passaggio con cui andrai a coprire battiscopa, stipiti di porte e finestre, interruttori e prese con del nastro carta adesivo per evitare che si macchino (lo scotch normale o quello per imballaggi non vanno bene perché possono lasciare dei residui sulla superficie). 

Ora che l’ambiente è stato organizzato per bene, non ti resta che passare allo step successivo: la preparazione delle pareti.

 

Cosa fare prima di pitturare una parete 

Se vogliamo imbiancare casa da soli dobbiamo sapere che, prima della verniciatura, c’è un’altra fase importante da rispettare, che varia a seconda dello stato dei muri (cambia molto se si tratta di pareti nuove o già esistenti). I lavori da svolgere possono comprendere raschiatura, stuccatura, carteggiatura, spazzolatura e rasatura, in base alle condizioni della superficie.

Ad esempio, se la parete presenta vecchi strati di pittura che si stanno staccando, sarà senz’altro necessario rimuovere la vernice precedente prima di applicare quella nuova. In certi casi potremmo dover eliminare la muffa sui muri e, se ci sono crepe e buchi, ripararli passando dello stucco con una spatola oppure effettuare una vera e propria rasatura. Lo scopo, in generale, è quello di far sì che la parete sia il più omogenea e liscia possibile prima di cominciare a verniciare.

 

La differenza tra intonaco e rasatura

Quando si deve pitturare una parete, infatti, è indispensabile poter lavorare su una superficie liscia e omogenea, per questo è necessario procedere con la stesura dell’intonaco e poi con la rasatura. Si tratta di due operazioni differenti, ma tra loro complementari: l’intonaco serve a coprire buchi e anomalie nelle pareti per renderle uniformi, mentre la rasatura è essenziale per completare l’opera e rendere la parete perfettamente liscia e pronta per la tinteggiatura. Vediamo come fare. 

 

Preparare le pareti: come intonacare il muro e fare la rasatura

Se abbiamo a che fare con una parete precedentemente pitturata, dobbiamo prima lavarla completamente. Una volta asciutta, la superficie va levigata con della carta vetrata grana 80-100, da applicare su un tampone. Se invece il muro è tappezzato, è necessario togliere la carta da parati e poi levigare la superficie, sempre con della carta vetrata, per eliminare i residui di colla. Bene, finalmente possiamo intonacare il tutto! 

Come prima cosa, prepariamo la malta. Per i muri interni servirà un impasto formato da 10 parti di sabbia di fiume, 3 di calce e una di cemento, a cui andrà unita dell’acqua fino a realizzare un composto morbido e pastoso. 

Utilizzando la cazzuola e il frattazzo, preleva una porzione di malta dall’impasto e comincia ad applicarla sul muro a strisce omogenee, lavorando da destra a sinistra. Stendi il prodotto per fasce leggermente sovrapposte, partendo dall’angolo del muro e procedendo dall’alto verso il basso: per un lavoro più accurato, copri prima un’area di circa un metro quadrato per poi scendere alla fascia più vicina. 

Terminata la superficie, lascia indurire l’intonaco per il tempo indicato sulla confezione, e poi effettua la rasatura con della carta vetrata a grana fine. Per svolgere questa operazione più velocemente e senza spargere dappertutto polvere e residui, puoi utilizzare una levigatrice orbitale collegata ad un aspiratore. Sapevi che AR Blue Clean 37 Series 3770 è perfetto per supportarti in questa operazione? È infatti dotato di una comoda presa elettroutensile che consente di collegare la levigatrice all’aspiratutto, che grazie all’avvio automatico START/STOP si azionerà da solo proprio nel momento in cui utilizzi l’utensile. Ora che la parete è pronta, possiamo finalmente pitturarla. 

 

aspiratore presa elettroutensile

 

Imbiancare casa da fai da te: scegliere i colori e preparare la vernice

In commercio esistono vari tipi di vernice tra cui scegliere, tuttavia fra le opzioni maggiormente utilizzate per i muri interni oggi ci sono le idropitture. Queste possono essere di diverse tipologie, ad esempio lavabili, traspiranti e termoisolanti. Vengono vendute concentrate e vanno diluite prima dell’uso, procedura per cui ti suggeriamo di seguire scrupolosamente le istruzioni presenti sul barattolo. 

Prima dell’acquisto, inoltre, calcola bene la quantità di pittura necessaria perché la tinta diluita non si conserva a lungo. Per sapere quanta vernice potrebbe servirti, procedi così:

  1. Moltiplica la base e l’altezza delle pareti di ogni stanza per calcolarne la superficie e sommala alla superficie dei soffitti, se anche questi vanno imbiancati. 
  2. Per una maggiore precisione, alla superficie calcolata sottrai l’ampiezza di porte e finestre che occupano le pareti da pitturare. 
  3. A questo punto moltiplica per due il numero ottenuto, dato che di solito servono almeno due mani di vernice. Per maggiore sicurezza, ricorda di arrotondare le quantità per eccesso e non per difetto.
  4. Infine, per capire quanta pittura ti serve, dividi il numero ottenuto per la resa indicata nella scheda tecnica del prodotto.

Vediamo ora alcune idee di tendenza per scegliere i colori più adatti alle tue pareti! 

 

Idee per imbiancare casa: colori e abbinamenti di tendenza

Scegliere i colori delle pareti interne di casa è più difficile di quanto credi, vero? Non preoccuparti, ti consigliamo noi alcuni abbinamenti da cui prendere ispirazione. Non dimenticare, però, che una casa deve soprattutto trasmettere i tuoi gusti, perciò non farti prendere troppo dalle mode del momento e scatenati con la tua creatività! 

Negli ultimi anni i trend di colori per dipingere le pareti includono le tonalità del blu e del viola: non passano però mai di moda i toni neutri (come il bianco, il beige, il tortora, l’avorio o il grigio) e i colori pastello (verdi, gialli, rosa, arancioni…), che sono sempre tra le scelte più diffuse. Un’altra soluzione in voga è quella di alternare nelle pareti sfumature diverse di uno stesso colore, per creare un effetto accogliente e confortevole.

 

Come applicare il colore

Vediamo ora alcuni suggerimenti per la verniciatura precisando che, in alcuni casi, prima del colore può essere utile passare del fissativo (o fondo): è il caso delle pareti nuove che vengono tinteggiate per la prima volta, ad esempio, o di quelle molto porose.

Dopodiché, puoi procedere con la verniciatura vera e propria cominciando a imbiancare i punti più difficili, quindi gli angoli tra le pareti, tra le pareti e il soffitto, e quelli formati da eventuali mobili o mensole. Fatto questo, puoi iniziare a dipingere soffitto e pareti usando il rullo

 

Crediti: Stokkete/Shutterstock.com 

 

Come imbiancare il soffitto

Nel verniciare il soffitto, ti consigliamo di dividere mentalmente la superficie in strisce e di partire dal lato in cui si trova la finestra o la fonte di luce per poter giudicare meglio l’effetto del colore, proseguendo poi verso l’interno della stanza. Evita di premere troppo forte sul rullo per evitare schizzi. Conclusa la prima mano, fai asciugare per qualche ora prima di passare la seconda e, nel frattempo, occupati delle pareti. 

In generale, quando prelevi la pittura, ricorda di scolare bene lo strumento sulla griglia (che va posta sul bidone) per rimuovere l’eccesso di colore. 

 

Come sistemare casa dopo i lavori di verniciatura

Dopo i lavori di verniciatura, soprattutto se avvenuti in concomitanza con una ristrutturazione, è spesso necessario sistemare e igienizzare bene l’abitazione. Come spieghiamo nell’articolo dedicato a come pulire casa dopo una ristrutturazione, infatti, nonostante le precauzioni prese per sporcare il meno possibile, di solito bisogna eliminare detriti, polvere e materiali vari. 

In tutte queste circostanze, puoi avvalerti dei comodi bidoni aspiratutto AR Blue Clean, perfetti sia per le pulizie ordinarie sia per esigenze “straordinarie” come, appunto, i residui di sporco grossolani. Un aspiratore multiuso come il modello 33 Series 3370, ad esempio, riesce ad aspirare senza problemi pezzi di vernice scrostata, segatura, sassolini, terriccio. Inoltre, usando il bidone aspiratutto senza sacchetto, puoi rimuovere contemporaneamente lo sporco solido e liquido: tutte applicazioni, quindi, che un normale aspirapolvere non è in grado di fare. Gli aspiratori multiuso, infatti, sono indispensabili per svolgere al meglio numerosi lavori domestici: possono esserti utili anche per pulire il garage, igienizzare la cuccia del cane e curare l’automobile risparmiando tempo e fatica.

 

 

Ora che è tutta ridipinta, la casa dentro è proprio bella ma… all’esterno? Bisognerebbe dare una rinfrescata alle pareti! Niente impalcature e pennelli, però: sarà già efficace un profondo lavaggio delle facciate e abbellire quel muro di cemento in giardino che stona con lo stile dell’outdoor! 

 

 

Crediti immagine di copertina: Ground Picture/Shutterstock.com